Una vita in quarantena

Cosa provano i cani a vivere in giardino.

Ci troviamo ad affrontare un periodo molto difficile e, purtroppo, anche doloroso per il notevole numero di vittime che il nostro Paese sta registrando.
Questo articolo si prefigge di dare uno spunto di riflessione su ciò che significa rinunciare alla propria quotidianità e alla propria identità fatta di emozioni e motivazioni.

Ciascuno di noi è un soggetto diverso dall’altro, questo significa che ogni giorno andremo a compiere attività diverse a seconda delle nostre motivazioni.
Perché compiamo queste azioni?
Perché le emozioni ad esse legate sono positive, ci fanno stare bene.

La stessa cosa vale per i nostri cani, soggetti con dotazioni di conoscenza che li portano a compiere determinate azioni rispetto ad altre.
Le dotazioni di conoscenza sono proprie di ciascun essere vivente, sono tutti gli strumenti che le esperienze vissute gli hanno concesso e che lo portano ad interagire in un determinato modo con il mondo; si basano su competenze innate ed apprese e, ovviamente, sulle emozioni che ciascun esperienza ha portato a vivere.
Proviamo ora a riflettere su quanto il dover rinunciare alla nostra quotidianità, alla nostra socialità stia incidendo sulla positività delle nostre emozioni e, di conseguenza, quanto modificano il nostro agire.

Rinunciare a praticare l’attività sportiva che amiamo, alla domenica passata sul divano a tifare la squadra del cuore che sia di pallavolo, basket o calcio, non poter uscire per fare una passeggiata in compagnia o andare a bere qualcosa al pub con gli amici il sabato sera.

Avete mai pensato che relegare un cane in un giardino è un po’come fargli vivere un’eterna quarantena?
Quando va bene si tratta di una reclusione in un luogo dotato di ogni comfort, ma dove non può mettere in atto ciò che la sua soggettività vorrebbe.
O meglio, dove può mettere in atto solo determinate attività che il luogo di confinamento gli permette.

Ben lontano dal dire che permettere ad un cane di esprimere la propria soggettività coincida con il fargli fare tutto ciò che vuole…
Ogni razza è stata selezionata per determinate motivazioni e attitudini che gli permettono di costruire delle dotazioni durante la sua vita, ciò però vuol dire anche che, se abbiamo scelto consapevolmente una razza, sapremo anche quali motivazioni disciplinare e quali incoraggiare.

È meraviglioso avere un giardino in cui trascorrere delle ore in compagnia del proprio cane, ma non deve essere l’unico luogo di relazione con lui.
Costruire una vita insieme è una meravigliosa avventura che ogni binomio dovrebbe vivere.


Concludo questo articolo ringraziando dal profondo tutti coloro che si prestano al servizio della società in questo momento difficile, senza esclusioni e un abbraccio forte va a alle persone che hanno perso i propri cari.

Comments are closed.