Parassiti: un mondo da scoprire

Cosa sono i parassiti?

Si tratta di organismi che dipendono metabolicamente da altri esseri viventi appartenenti ad una specie diversa.
Questa tipologia di interazione prende il nome di Parassitismo in quanto solo uno dei due esseri coinvolti trae beneficio causando di conseguenza, un danno/perdita all’altro organismo coinvolto, quello che verrà definito Ospite.

Protozoo

Classificazione dei parassiti

I parassiti, secondo la Classificazione Ecologica si distinguono in:

– Microparassiti,
parassiti di dimensioni ridotte per lo più rappresentati da virus, batteri e anche protozoi.

Macroparassiti, organismi simbionti di dimensioni maggiori (alcuni sono anche visibili ad occhio nudo) rappresentati da elminti, artropodi e anche in questo caso, protozoi.


Secondo la Classificazione Tassonomica, invece, i parassiti vengono distinti in due categorie: i Procarioti e gli Eucarioti.
La prima categoria include tutti gli organismi unicellulari sprovvisti di nucleo (es. virus) mentre per Eucarioti, si intendono gli organismi unicellulari e pluricellulari aventi il nucleo.

Ciclo vitale dei parassiti

Ogni parassita elabora un proprio “piano strategico” per poter raggiungere il suo stadio di adulto, all’interno dell’organismo ospite.

L’organismo deve svilupparsi e moltiplicarsi senza però risultare letale per l’ospite, poiché priverebbe sé stesso delle risorse che necessita e che potrebbe ricavare unicamente da quest’ultimo.

Il parassita potrà compiere un ciclo diretto, in un solo ospite con o senza fase libera nell’ambiente esterno (fase esogena), oppure potrà avere un ciclo indiretto in cui infesterà più ospiti.
Nel caso in cui il ciclo riguardasse due ospiti, prenderebbe il nome di Dixenico, nel caso in cui gli ospiti interessati fossero tre, si chiamerà Trixenico.


Tipologie di ospiti

Esistono varie tipologie di ospiti, in questo articolo vi parleremo degli ospiti principali: ospite definitivo (O.D.) e ospite intermedio (O.I.).

Con O.D. si intende l’organismo in cui il parassita si sviluppa diventando così un organismo adulto e raggiungendo la maturità sessuale.
Tale caratteristica gli permetterà di produrre uova o larve. 
Mentre nell’O.I., si può avere una replicazione ma solo asessuata.

Per distinguere l’ospite definitivo da quello intermedio è necessario studiare il ciclo di vita del parassita e capire se l’organismo infestato propaga (O.I.) o mantiene (O.D) l’infezione causata dal parassita.

Presto ci saranno altri articoli riguardanti i parassiti che infestano i nostri cani e gatti, non perderteli, rimani sintonizzato!

Comments are closed.